Home » Notizie » Governo Renzi, mai così tanti indagati nel team di governo

matteo_renziL’ex rottamatore assume gli indagati nel suo governo

Nel curriculum era forse una qualità preferenziale per essere scelti come membri della squadra di Governo, sembra infatti che Matteo Renzi abbia un buon debole per gli indagati, ben 6 nel suo nuovo governo, che doveva essere fresco e pulito, ma si ritrova stantio, con un forte odore di amicie e conflitti di interessi. Non è nuovo infatti Matteo Renzi dall’assumere amici e amici di amici, lo aveva fatto nello stesso comune di Firenze dove sono stati circa 100 i nuovi assunti nella sua gestione senza aver fatto un regolare concorso pubblico.

Non mantenute quindi le promesse di rottamazione, anzi, mai ci sono stati così tanti indagati in una squadra di governo prima che ricevessero la carica. Maurizio Lupi, ex del governo Letta, riconfermato nonostante l’indagine su di lui in abuso di ufficio, Francesca Barracciu costretta per i troppi scandali a ritirarsi dalle elezioni regionali in Sardegna e infilata a forza non si sa con quali meriti nell’attuale Governo, Vito De Filippo, Filippo Bubbico ed anche Antonio Gentile, scoperto mentre cercava di mettere la museruola a fonti di informazioni per non far uscire notizie scomode su suo figlio. Quest’ultimo ha poi rassegnato le dimissioni in seguito al relativo scandalo di censura.

Intanto ad ogni uscita pubblica Matteo Renzi si ritrova ad essere sempre contestato da diversi gruppi di attivisti ed anche da elettori del Pd che non hanno gradito l’aiuto al rientro in politica dato a Berlusconi e l’autonomina a presidente del consiglio.

Oltre questi indagati sono 24 i riciclati del governo precedente, un rottamatore a parole che poi nei fatti non cambia praticamente nulla, tranne l’inserimento di amici come il ministro Federica Guidi, fidanzata di uno dei finanziatori di Matteo Renzi e molto amata anche da Silvio Berlusconi, che si è ritrovato alla giustizia Cosimo Ferri ed Enrico Costa, suoi uomini fidati.

Close
Metti mi piace
Seguici su Facebook