Home » Notizie » Libertà di stampa, in Italia un 2013 disastroso

liberta-di-stampaStilata la valutazione di House of Freedom del 2013, Italia tra le ultime in Europa

E’ sempre più sconfortante la posizione dell’Italia nelle classifiche di House of Freedom, organizzazione americana che si occupa di valutare la libertà dei singoli stati. Nella classifica stilata del 2013 riguardante la Freedom of the Press (Libertà di stampa) l’Italia fa sempre la sua pessima figura posizionandosi nelle ultime posizioni in Europa e solo 68esima al mondo.

Tra gli stati che distaccano l’Italia e ci rendono imbarazzante la classifica ci sono il Ghana, Capo Verde e  la Namibia, paesi che da un punto di vista tecnologico e industriale sono molto più arretrati del nostro paese, ma dai quali sulla libertà di stampa abbiamo solo da imparare.

Occupa il 68 posto insieme all’Italia la sud americana Guyana, con uno score di 33 punti. In testa alla classifica ci sono la Norvegia e il Svezia,con un punteggio di 10, entrambe capoliste, in seconda posizione a 11 punti pari a merito invece Belgio, Finlandia e Olanda.

L’Italia è classificata come nazione con informazioni parzialmente libere, ovviamente questa classifica non giudica solamente la stampa ma tutto quello che riguarda fonti informative, quali anche quotidiani online, trasmissioni televisive, radiofoniche e telegiornali. Non vengono valutati i Blog in quanto non si possono considerare organi di stampa e giornalismo.

La colpa di questa situazione, che influisce sulla condizione politica italiana è dovuta alla dipendenza che le televisioni e i giornali hanno nei confronti dei partiti politici italiani, basti considerare che in Italia esistono giornali politicamente schierati, canali televisivi faziosi e che tendono a screditare anche con notizie false avversari politici, cosa che sarebbe inconcepibile in un paese libero.

La prossima volta che guarderai il telegiornale, crederai ancora a tutto quello che ti dicono?

Close
Metti mi piace
Seguici su Facebook