Home » Notizie » Ministro Federica Guidi, già un problema per Matteo Renzi

federica-guidi-silvio-berlusconiConflitto di interessi, comportamento non etico e amicizie segrete

Vi pare normale che un Ministro, persona dedita ad accrescere il pil del proprio paese abbia delocalizzato le proprie aziende nell’Est Europa? Vi sembra etico per un Ministro ritrovarsi a discutere al governo di piani che riguarderanno anche direttamente le proprie aziende? Vi pare normale che un Ministro eletto dal governo del rottamatore Renzi si ritrovi per cene private con Silvio Berlusconi? E se questo Ministro addirittura fosse quello dello sviluppo economico?

Benvenuti in Italia, dove il rottamatore Matteo Renzi, dopo essersi autoproclamato Presidente del consiglio senza essere stato votato, ha rimpastato la schiera dei Ministri, lasciandone qualcuno al suo posto, facendo cambiare poltrona ad uno e inserendo qualche nuova e inadatta presenza.

Si tratta di Federica Guidi, il Ministro di Silvio Berlusconi, (in quanto spesso si ritrova con il leader di Forza Italia, per cene lontani da occhi indiscreti) presente nel governo Renzi, Federica Guidi infatti si ritroverà a dover gestire gli affari tra l’azienza di famiglia, la Ducati Energia Spa e lo stato, ovviamente il conflitto di interessi è servito su un piatto d’argento, ma non si fermano qui i problemi per la neo Ministro dello Sviluppo economico, in quanto la stessa società di famiglia da cui si è dimessa appena prima di essere nominata Ministro, è si un’azienda italiana, ma è stata negli anni delocalizzata in Romania per risparmiare sulle tasse e sulla forza lavoro.

Sicuramente un bell’esempio di industriale che va premiato con un ministero quello che prende la sua azienda e la porta all’estero. Cosa suggerirà il Ministro Guidi alle aziende in difficoltà? Andatevene all’estero? Sicuramente si rasenta l’inpensabile, Matteo Renzi continua a combinarne di tutti i colori aiutato anche dal supporto dei media che tendono a non diffondere questo genere di notizie.

Close
Metti mi piace
Seguici su Facebook